Can a high stacking factor be achieved with Backlack? Why is electrical steel important in a motor? What does the stacking factor entail, and how is it calculated? Which variables can influence the stacking factor? You will find all the answers to your questions right here.

Nei giorni 25 e 26 settembre Pordenone è stata nuovamente punto di incontro per gli esperti dell’industria elettrica che hanno avuto l’occasione di raccogliere informazioni sulle novità. Particolare attenzione è stata posta sui temi chiave e-mobility e backlack.

Electrify Tomorrow – è questo il motto con cui voestalpine si è presentata all'ultima edizione CWIEME a Berlino. Avendo sponsorizzato ufficialmente la Formula E, ovviamente non poteva far mancare uno di questi bolidi come attrazione in fiera. Le conferenze degli esperti e i nuovi prodotti sviluppati hanno suscitato vivo interesse. Anche quest'anno la manifestazione si è conclusa in bellezza con una "Austrian Night". Insomma, una fiera ben riuscita.

Con backlack-v® + Accelerator, i tempi di incollaggio si riducono al minimo consentendo la produzione di nastri magnetici anche in grandi serie. voestalpine fornisce questo nuovissimo sviluppo della tecnologia Backlackcome innovazione high-speed per motori elettrici di ogni tipo e dimensione. Oltre ai consueti pregi del Backlack,come libertà di design e stabilità meccanica, il nuovo sistema riserva tutta una serie di vantaggi in termini di efficienza.

Anche quest'anno la CWIEME ha offerto ai visitatori un'ampia panoramica delle tecnologie più interessanti e delle soluzioni di mobilità per il futuro.

Lasciatevi sorprendere dall'artistico highlight della fiera.

Sì ma non sempre, non a qualsiasi prezzo e non in qualsiasi applicazione. Scoprite in che modo lo spessore della lamiera condiziona l'efficienza del motore ed anche quella della lavorazione, quali legami ci sono fra lo spessore della lamiera, l'anno 2025 e le capacità globali di punzonatura. Vi interesserà!

Che direzione prendono le opinioni sull'elettromobilità? In una conferenza interattiva al convegno "Connected by Excellence" di quest'anno, diversi esperti e rappresentanti dell'industria hanno esposto le loro opinioni sui futuri sviluppi dell'elettromobilità.

Ce lo spiega il prof. Metin Tolan. I motori elettrici hanno bisogno di un nucleo di ferro. I motori elettrici ad alta efficienza hanno bisogno di un nucleo di ferro composto da singoli lamierini magnetici impaccati. Ma qual è il sistema migliore per unire questi lamierini in modo preciso?

 

Per contenere al minimo le correnti parassita in rotori e statori di macchine elettriche, i nostri clienti li costruiscono sotto forma di sottili lamiere sovrapposte. Ci sono diverse possibilità per unirle. Il metodo più efficiente è la giunzione delle lamiere con la tecnologia Backlack.

Costruzioni leggere e sicurezza della carrozzeria sono tematiche già note ma che diventano ancora più importanti con l'elettromobilità. Una novità per molti clienti è il fabbisogno di nastri magnetici ad alta efficienza per le lamiere di rotori e statori nel gruppo motopropulsore. Se oggi in un'automobile moderna ci sono già oltre 100 motori elettrici, fino ad oggi il materiale di base è stato comunque poco prestazionale. Con i nuovi motori propulsori le cose cambiano. 

Le particolari costruzioni dei motori sviluppati negli ultimi anni richiedono l'impiego di nastri magnetici d'alto profilo. Per rispondere a questa necessità del mercato, abbiamo lanciato tutta una serie di lamiere d'acciaio magnetico di nuova concezione. In questo sviluppo ci siamo concentrati non soltanto sui requisiti tecnici ma anche su aspetti vitali come la "lavorabilità" e la "disponibilità".